ETHEREUM

Questo è il motivo per cui l'IRS invia una nuova lettera di avvertimento agli investitori che hanno già presentato le tasse.


Oltre alle lettere precedenti, l'USR [Internal Revenue Service] degli Stati Uniti ora avverte gli investitori che hanno presentato imposte sul reddito, ma secondo quanto riferito ha distorto il reddito generato dalle transazioni in criptovaluta.

L'Internal Revenue Service degli Stati Uniti ha emesso un nuovo ciclo di lettere

Come riportato da Coingape, l'IRS ha inviato 10.000 lettere di istruzione agli utenti di criptovaluta a luglio, chiedendo loro di segnalare e pagare correttamente le tasse sul loro reddito in valuta virtuale. A differenza della lettera precedente, il nuovo avviso CP2000 afferma che esiste una differenza nell'importo del reddito che l'agenzia propone nella dichiarazione dei redditi. Pertanto, l'agenzia cerca di raccogliere la differenza da un piccolo numero di possessori di criptovaluta che hanno erroneamente riportato le entrate dello scambio. Va notato che l'agenzia raccoglie queste informazioni indipendentemente da terzi.

Alla ricezione del presente avviso, l'investitore può opporsi all'importo entro 30 giorni; nessuna risposta comporterà una penalità. Secondo il co-fondatore di CoinTracker Chandan Lodha, una società che aiuta i contribuenti a determinare le loro tasse relative alla criptovaluta lo dimostra;

"[CP2000] è una lettera leggermente diversa", ha detto Lodha. "Fondamentalmente dice 'Ehi, abbiamo un rapporto sull'istituto finanziario che usi e la quantità di IRS che ci segnalano è diversa da te, contribuente L'importo segnalato, questo è l'importo che devi 'ed è una lettera di 30 giorni, il che significa che devi rispondere entro 30 giorni. "

Lodha ha anche rivelato che la lettera viene solitamente diffusa al di fuori dello spazio delle criptovalute, che è il "nuovo fenomeno" che IRS ha lanciato questa volta nello spazio delle criptovalute. Tuttavia, secondo Justin Woodward, un avvocato all'avvio del calcolo fiscale di TaxBit, queste lettere sono state utilizzate dagli utenti di criptovaluta da agosto. Se il destinatario non è d'accordo con la considerazione dell'IRS sull'invio di queste lettere, può chiedere al proprio istituto finanziario di inviare nuovamente la "dichiarazione corretta". In una nota simile, Lodha delinea;

"In termini di come funzionano le dinamiche effettive, prima ti inviano il CP2000, inviano la scadenza suggerita, dici" Sì, pagherò "o" No, questo è il documento giustificativo "."

L'IRS ha ottenuto una differenza da una terza parte che ha calcolato l'imposta relativa alla criptovaluta con una terza parte tramite il Modulo 1099-K, che è lo stesso del file delle azioni di scambio del cliente dopo la negoziazione con la criptovaluta. L'agenzia esorta lo scambio a presentare una copia separata dello stesso modulo. Il cosiddetto modulo 1099-K non è stato accolto da un piccolo numero di ricercatori perché riflette solo il volume totale delle transazioni. Secondo James Foust, ricercatore senior presso Coin Center, la tabella non calcola i benefici effettivi che gli utenti ottengono dalle transazioni in criptovaluta.

"1099-K … non è adatto per la segnalazione di informazioni fiscali sulla criptovaluta, ma [1099-K] e 1099-MISC sono gli unici rapporti informativi menzionati dall'Internal Revenue Service degli Stati Uniti nell'avviso 2014-21. Sospetto che il motivo potrebbe essere Nel caso di una chiara guida dell'agenzia, lo scambio ha scelto di utilizzarlo. "

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin Condividi su Telegram

Fonte: compilato da 0x informazioni da COINGAPE. Il copyright è di proprietà dell'autore e non può essere riprodotto senza autorizzazione. Fai clic per continuare a leggere