tecnologia-blockchain

Telegram contesta la decisione del tribunale di vietare l'emissione di token Gram


Telegram contesta la decisione del tribunale di vietare l'emissione di token Gram

Il corriere di Telegram ha fatto appello contro una decisione del Tribunale distrettuale meridionale di New York che ha temporaneamente vietato la distribuzione dei token Gram come previsto.

6ccfab9fc65086428b19c067130f3717 tramite ForkLog su Scribd

Alla vigilia della giornata, il giudice Kevin Costel ha concordato con l'argomento della SEC che Telegram ha venduto titoli non registrati e ha preso una decisione a favore dell'autorità di regolamentazione. L'imputato ha presentato un ricorso di secondo grado presso la Corte d'appello degli Stati Uniti.

Nell'ottobre dello scorso anno, la SEC ha intentato una causa in merito a Telegram Group e TON Issuer Inc. ha violato il Securities Act. I regolatori chiedono un divieto illimitato sul progetto e chiedono che i fondi vengano restituiti agli investitori.

A causa della causa, il rilascio della piattaforma blockchain TON [Telegram Open Network] è stato posticipato dal 31 ottobre 2020 al 30 aprile 2020.

Gli avvocati di Telegram hanno cercato di convincere il tribunale a respingere la richiesta della SEC di rimuovere Gram dalla definizione di titoli, ma senza risultato.

Telegram ha ancora l'opportunità di appellarsi alla decisione del giudice Church, di cui l'azienda ha approfittato. Tuttavia, alcuni esperti ritengono che le possibilità di successo siano limitate e Telegram dovrà restituire i fondi agli investitori TON. Altri hanno suggerito che la SEC potrebbe eventualmente essere multata e che la società continuerà ad attuare il progetto.

Segui ForkLog su Twitter

Fonte d'informazione: compilato da FORKLOG con informazioni 0x. Il copyright appartiene alla sezione autore, non può essere riprodotto senza autorizzazione Fai clic per continuare a leggere