tecnologia-blockchain

Revisione di Ethereum 2.0 per migliorare le prestazioni nella fase 0


Fatti chiave:

L'obiettivo della revisione è rivedere le specifiche di Fase 0 per la nuova versione di Ethereum. La conclusione è che, sebbene la rete abbia una forte sicurezza, soffre ancora di attacchi DDoS.

Alcuni mesi fa, Joseph Lubin, fondatore di ConsenSys, ha dichiarato che Ethereum 2.0 sarà pronto entro il 2020. Sebbene non sia chiaro se questa previsione possa essere raggiunta, la nuova versione di Ethereum è stata verificata e ha fornito i seguenti suggerimenti preliminari. Le sue prestazioni.

L'autorizzazione minima per le startup è stata sottoposta a revisione della specifica Ethereum 2.0 per la sua fase di attivazione iniziale [chiamata "Fase 0"]. Hanno anche rivisto i dettagli tecnici della catena del faro e dell'imminente forcella rigida. L'indagine si è conclusa con un rapporto sulla sicurezza e gli esperti hanno sottolineato che ci sono problemi con la rete P2P di Ethereum 2.0 e il suo sistema di validazione.

Nessuna di queste vulnerabilità interessa la rete attualmente utilizzata dalla comunità di Ethereum. Questo è un nuovo protocollo che verrà utilizzato con gli algoritmi Proof of Participation [PoS] e viene sviluppato in parallelo. In questo modo, gli utenti dovrebbero migrare su questa nuova blockchain in futuro per godere di maggiori capacità di scalabilità e programmazione.

Per il successo della migrazione e dell'attivazione della blockchain, gli esperti raccomandano di rivedere il sistema di selezione del sostenitore di blocchi per Ethereum 2.0. Queste entità sono responsabili della proposta di blocchi che devono essere verificati dal validatore della rete, quindi svolgono un ruolo importante nel registro delle transazioni e possono essere bersaglio di un attacco.

Ad esempio, un partecipante malintenzionato può connettere più nodi alla rete, oscurando così le funzioni del sostenitore. Oppure, d'altra parte, possono eseguire un attacco DDoS [Distributed Denial of Service] per disabilitare la loro funzionalità. Pertanto, hanno suggerito che le scelte dei sostenitori dovrebbero essere mantenute il più possibile per evitare di rivelare il loro IP.

Non sempre avere la buona volontà

Il rapporto meno autorevole afferma che Ethereum 2.0 è una rete forte e sicura e conclude che "la sicurezza è sempre stata una considerazione importante durante la fase di progettazione". Tuttavia, nelle specifiche del sistema di messaggistica P2P, gli analisti hanno affermato che la mancanza di documentazione non ha permesso loro di trarre conclusioni sulla loro sicurezza.

Pertanto, ritengono importante continuare a monitorare il comportamento del settore e il suo sviluppo futuro quando la rete è già al servizio del pubblico. Hanno aggiunto che la piattaforma funziona bene quando è nelle mani di utenti altruisti. Tuttavia, Ethereum ha pianificato di utilizzare la rete su larga scala, e il suo funzionamento è sempre più collettivo e potrebbe incontrare battute d'arresto.

Ad esempio, ritengono che potrebbe essere attaccato da utenti malintenzionati o egoisti che potrebbero compromettere il normale funzionamento della rete e generare "spam". A tal fine, raccomandano di utilizzare un sistema BAR in grado di resistere a questi attacchi e limitare comportamenti dannosi sulla rete. "Questo tipo di attacco rallenta o addirittura arresta l'elaborazione della rete", hanno affermato.

Ethereum 2.0 è una delle versioni più attese nella comunità dopo la rete ed è dedicata ai contratti intelligenti. Vitalik Buterin è uno degli sviluppatori più riconosciuti nell'ecosistema, osservando che la nuova rete renderà le transazioni su Ethereum più sicure e aumenterà la scalabilità.

Fonte: compilato da CRIPTONOTICIAS per 0x. Il copyright appartiene all'autore Andrea Leal e non può essere riprodotto senza autorizzazione Fai clic per continuare a leggere