tecnologia-blockchain

Il gruppo commerciale afferma che la lotta di Telegram con la SEC contribuirà a spingere la legislazione sulle criptovalute


Secondo la Blockchain Association, la battaglia giudiziaria in corso di Telegram per l'offerta di token da $ 1,7 miliardi potrebbe aiutare a spingere in avanti la regolamentazione delle criptovalute.

Kristin Smith, direttore esecutivo dell'associazione, ha dichiarato in un'intervista a CoinDesk: "Anche se è sfortunato per Telegram, penso che i risultati di questo caso possano aiutare a fare pressione sul Congresso affinché richiedano loro di formulare un Una nuova legge per fornire una via d'uscita ".

La Securities and Exchange Commission [SEC] vuole smettere di emettere token per il progetto blockchain di Telegram TON perché i regolatori affermano di essere titoli non registrati.

Ha aggiunto: "Speriamo davvero che la SEC non diventi chiara attraverso la sentenza della corte, ma che possa passare il Congresso attraverso procedure di definizione delle regole o attraverso la legislazione per fornire un modo veramente chiaro per sviluppare e avviare tali progetti",

Quando tutti sono alla ricerca di un modo per sbarazzarsi della pandemia COVID-19, questo non accadrà ora. Tuttavia, Smith ha dichiarato: "Più tardi, i legislatori hanno un modo per trovare industrie innovative e in crescita, che è la motivazione che siamo desiderosi di recuperare, e penso che quando ciò accadrà, vedremo una legislazione positiva".

Ha aggiunto: "Quando alla fine si presentano sfide nazionali e internazionali come i coronavirus, l'innovazione aiuterà l'economia a sfuggire alla crisi e a svilupparsi di nuovo".

Alleato duraturo

The Blockchain Association, un gruppo di difesa del settore delle criptovalute composto da membri come Coinbase, Circle, Digital Currency Group, eToro, Anchorage, Kraken, Ripple-ha prestato grande attenzione alla lotta legale tra Telegram e la SEC.

A ottobre, la SEC ha chiesto al tribunale di interrompere l'emissione del token blockchain di Telegram agli investitori nelle vendite di token privati. Il giudice Kevin Castel del tribunale distrettuale del distretto meridionale di New York ha emesso un'ingiunzione preliminare per impedire l'emissione, anche per gli investitori al di fuori degli Stati Uniti.

Già nel gennaio di quest'anno, la Blockchain Association ha sostenuto Telegram e ha chiesto alla corte di respingere le accuse della SEC. Tuttavia, il giudice Castell non ha seguito il motivo per cui l'accordo SAFT [Simple Agreement for Future Token] costituiva un'emissione di titoli, mentre i token Telegram promesso agli investitori non lo erano. L'Associazione Blockchain ha insistito nella seconda udienza presentata la scorsa settimana che aveva torto.

Vedi anche: Le azioni arretrate alla fine pagheranno dividendi dai suoi azionisti di sicurezza digitale

Smith ritiene che la Securities and Exchange Commission [SEC] degli Stati Uniti abbia cercato di perseguire un crimine inesistente vietando l'emissione di grammi: solo gli investitori del Telegram di investitori accreditati possono trovare un modo legale per vendere i loro token , Anche se non sono disposti a venderlo al pubblico. Gli Stati Uniti, la Securities and Exchange Commission [SEC] degli Stati Uniti e successivamente i tribunali hanno cercato di impedire che ciò accadesse.

"Se g è in realtà un titolo, può essere negoziato [sistemi di trading alternativi]. Una volta approvato dalla US Securities and Exchange Commission, gli investitori possono detenerlo per un periodo di tempo e quindi venderlo a investitori privati. Possono negoziare in mercati esteri. Vendili. "Smith ha detto.

Ritiene che questo caso costituisca un precedente importante: "Penso che per le aziende che hanno già emesso SAFT o siano in procinto di SAFT, ciò potrebbe causare problemi. Ciò impedisce l'avvio di molti nuovi progetti".

Smith ritiene che la rete di criptovaluta abbia un'economia unica, il che rende il finanziamento azionario tradizionale "non ideale come la pre-vendita di token".

SAFT è nei guai?

La lotta di Telegram con la SEC mostra che, come molte altre startup di criptovaluta, il framework SAFT che utilizza non è sicuro come il settore in precedenza credeva.

Il framework è stato introdotto nel 2017 come un modo conforme per vendere token a investitori istituzionali, che è diverso dalla famigerata emissione di token iniziale, che viene venduta principalmente agli acquirenti al dettaglio. La SEC non approva né rifiuta il quadro.

Benjamin Beaton, partner dello studio legale Squire Patton Boggs, è anche uno degli autori dell'ultimo riassunto della Blockchain Association, che ritiene che l'industria abbia tutte le ragioni per fidarsi del framework. Ha detto: "Le due società stanno lavorando per rispettare le norme esistenti e applicarle ai nuovi prodotti".

Ha aggiunto che le azioni esecutive della Commissione per i titoli e gli scambi statunitensi contro il telegrafo "sembrano essere ingiuste" e hanno creato maggiore incertezza ", il che sottolinea la necessità di linee guida chiare".

Finora, sebbene il caso giudiziario non sia andato a vuoto come Telegram, la SAFT potrebbe non essere finita. Beaton ha dichiarato: "Non tutti i design SAFT sono esattamente uguali, solo perché non è adatto a Telegram, il che non significa che il modello non possa essere utilizzato in altre aree.

Leggere anche: Oggi la SEC sta esaminando i prodotti token non registrati

Ma Smith ritiene che la situazione generale relativa all'accordo sui token e le conseguenze di tale raccolta fondi sembra essere cambiata.

Ha detto: "SAFT sopravviverà in qualche modo, ma gli sviluppatori e gli investitori considereranno davvero SAFT molto seriamente prima di decidere di andare avanti." "Per un po ', è stato considerato il modo più intelligente di fare le cose, ma ora è più Molte sono aree grigie ".

Fonte di informazione: compilata da COINDESK con informazioni 0x. Il copyright appartiene all'autore e non può essere riprodotto senza autorizzazione Fai clic per continuare a leggere